CGC - Weber Antincendio, impianti di spegnimento e sistemi antincendio

Condizioni generali di contratto

Qui potete scaricare le nostre Condizioni generali di contratto in formato PDF:

le CGC della WEBER Antincendio sono disponibili per il download

[ .pdf / 240 KB ] - aggiornate al 06/04/2010

Condizioni generali di contratto

§1 Ambito di validità

Il cliente ha diritto ha un trattamento corretto e a una chiara regolamentazione del rapporto contrattuale. Qualora il cliente sia un consumatore ai sensi del § 13 del codice civile tedesco, ossia una persona fisica che stipula un negozio giuridico a uno scopo non commerciale che non può essere ascritto alla sua libera attività professionale, saranno espressamente indicate nel testo eventuali differenze e particolarità. Per il resto il presente testo vale anche per i consumatori. Gli agricoltori che svolgano tale attività come prima o seconda occupazione e ne traggano profitti sono considerati consumatori in base a questo regolamento. Tutti gli accordi, le offerte e le consegne si basano esclusivamente  sulle presenti condizioni di contratto. Esse sono pertanto valide anche per rapporti contrattuali futuri anche qualora non vengano concordate a parte. Condizioni contrattuali differenti, contrarie o integrative non costituiranno parte integrante del contratto, anche se note, a meno che la loro validità non sia espressamente approvata in forma scritta.

§2  Contratto di fornitura

  1. Le nostre offerte non sono vincolanti. Sono fatte salve modifiche tecniche e variazioni di forma, colore e/o peso nell'ambito del ragionevole, così come differenze di versione quando queste siano determinate dallo sviluppo tecnico o non modifichino sostanzialmente la funzionalità dell'oggetto del contratto.
  2. Misure, immagini e disegni, così come dati e riproduzioni contenuti in prospetti e cataloghi sono vincolanti solo qualora ciò sia espressamente concordato in forma scritta.
  3. Attraverso l'ordine il cliente dichiara in maniera vincolante di voler acquistare la merce ordinata. È nostro diritto accettare la proposta di contratto contenuta nell'ordine entro 4 settimane dal nostro ricevimento della stessa. La dichiarazione di accettazione può avvenire in forma scritta o, in caso di ordine di merci, attraverso la fornitura all'acquirente. La conferma automatica di ricezione dell'ordine inviata per via elettronica non costituisce un'accettazione vincolante.
  4. Le caratteristiche delle merci dipendono esclusivamente dalle disposizioni tecniche di fornitura concordate. Qualora fossimo tenuti a seguire disegni, specifiche, campioni e simili del nostro cliente, quest'ultimo si assume il rischio dell'adeguatezza alla destinazione d'uso. Al fine di determinare la conformità dello stato delle merci alle disposizioni contrattuali è decisivo il momento del trasferimento del rischio. In materia rispondiamo esclusivamente della conformità della lavorazione.

§3  Termine di consegna

  1. I termini di consegna sono vincolanti solo se da noi espressamente definiti come tali e confermati in forma scritta.
  2. Il termine di consegna ha inizio con l'invio della conferma dell'ordine e non prima della presentazione da parte del cliente della documentazione eventualmente necessaria, delle autorizzazioni e dei permessi così come della ricezione dell'acconto pattuito. Qualora fossero successivamente riscontrate inesattezze tecniche o errori nella documentazione d'ordine o nei disegni del cliente, dopo la loro risoluzione il termine di consegna ha nuovamente inizio.
  3. Il termine di consegna si considera rispettato se entro la sua scadenza è stata comunicata la disponibilità all'invio o l'oggetto della consegna ha già lasciato lo stabilimento.
  4. Sono ammesse consegne parziali entro i termini di consegna da noi indicati qualora non ne derivino svantaggi d'uso.
  5. Qualora il mancato rispetto dei tempi di consegna sia ascrivibile a cause di forza maggiore, conflitti sindacali o altri avvenimenti al di fuori del controllo del fornitore, il termine di consegna viene prolungato in maniera corrispondente al ritardo maturato. Il fornitore comunicherà tempestivamente al cliente l'inizio e la fine di tali situazioni.
    La stipula del contratto avviene con riserva di una fornitura corretta e puntuale da parte dei nostri subfornitori. Ciò vale solo qualora il mancato rispetto dei termini non sia imputabile a noi, in particolare in caso di stipula di una congrua operazione di copertura con il nostro subfornitore.

§4 Compenso

  1. Quando non diversamente concordato, i prezzi si intendono franco fabbrica, ciò significa esclusi il contributo di spedizione e l'IVA a norma di legge.
  2. L'importo fatturato è immediatamente esigibile. In mancanza di una diversa comunicazione, sulle forniture di merci viene concesso uno sconto del 2% in caso di pagamento entro 14 data fattura. Ciò vale anche in caso di addebito bancario. I servizi sono pagabili al netto immediatamente dopo la ricezione della fattura. I costi delle transazioni di pagamento sono a carico del cliente.  È possibile la richiesta di pagamenti anticipati o rateali.
  3. Qualora sia in ritardo con il pagamento, il cliente dovrà pagare sulla somma dovuta un interesse pari al tasso di interesse base maggiorato dell'8%.  Ci riserviamo di documentare o rivendicare un danno di mora più elevato.
  4. Il cliente può esercitare il diritto di ritenzione solo nel caso in cui la propria contropretesa si basi sullo stesso rapporto contrattuale. Il cliente ha diritto a una compensazione solo qualora sia stabilita la validità legale delle proprie contropretese o nel caso in cui queste siano da noi riconosciute.
  5. Il mancato rispetto delle condizioni di pagamento concordate, così come eventuali circostanze di cui venissimo a conoscenza solo dopo la stipula del contratto e che ci inducano a temere che il cliente non sia in grado di pagare per tempo, ci danno diritto di richiedere in quanto fornitore l'immediato rilascio di una garanzia per tutti i crediti derivanti dal contratto di fornitura, senza considerarne la scadenza e interrompendo i lavori fino alla presentazione di tale garanzia.

§5 Modifica dei prezzi

  1. Sono ammesse modifiche dei prezzi nel caso in cui fra la stipula del contratto e il termine di consegna concordato (anche in caso di consegne parziali e di concessione di fatture di acconto) intercorrano più di 4 mesi. Qualora fino al completamento salari,costi materiali o prezzi di acquisto di mercato aumentino, è nostro diritto aumentare il prezzo in misura corrispondente all'aumento dei costi. Il cliente ha diritto a recedere dal contratto solo nel caso in cui l'aumento del prezzo superi in modo non irrilevante l'aumento del costo generale della vita fra il momento dell'ordine e quello di consegna.
  2. Qualora il cliente sia un operatore commerciale, persona giuridica di diritto pubblico o un patrimonio separato di diritto pubblico, sono ammesse modifiche dei prezzi in conformità al predetto regolamento nel caso in cui fra la stipula del contratto e il termine di consegna concordato intercorrano più di sei settimane.

§6 Riservatezza

  1. Ciascuna delle parti contrattuali utilizzerà tutta la documentazione (comprendente anche campioni, modelli e dati) e le conoscenze che le deriveranno dal rapporto contrattuale solo per gli scopi comuni, mantenendone la riservatezza nei confronti di terzi con la stessa cura rivolta ai propri corrispondenti documenti e conoscenze qualora la controparte li definisca confidenziali o abbia un evidente interesse alla riservatezza.
  2. Detto obbligo inizio nel momento del primo ricevimento di documenti o conoscenze e termina 36 mesi dopo il termine del rapporto contrattuale. L'obbligo non vige per documenti e conoscenze universalmente noti o già noti alle parti contrattuali al momento della ricezione, che non fossero già soggetti all'obbligo di riservatezza, che fossero inoltrati da un terzo autorizzato alla loro trasmissione o sviluppati dalla controparte ricevente senza ricorso a documenti o conoscenze riservati della controparte.

§7 Imballaggio e spedizione

  1. Gli imballaggi diventano proprietà del committente, cui sono da noi addebitati. Le spese di spedizione e imballaggio sono indicate separatamente in fattura. La scelta della modalità di spedizione avviene a nostra discrezione.
  2. In caso di danni in seguito al trasporto il cliente deve informare senza colpevole ritardo lo spedizioniere/ il vettore e comunicarci tale circostanza.
  3. Con la consegna della merce allo spedizioniere/vettore o alla persona o soggetto altrimenti adibiti alla spedizione, il rischio di un accidentale perimento o deterioramento della merce è trasferito al cliente.
  4. La consegna deve ritenersi effettuata anche qualora l'acquirente sia in ritardo con l'accettazione delle merci.
  5. L'assicurazione contro i danni da trasporto avviene solo su richiesta e a spese del cliente.

§8 Garanzia

  1. Non rispondiamo di vizi materiali dovuti a uso improprio o inadeguato, errato montaggio e/o attivazione da parte del cliente o di terzi, normale usura, uso scorretto o negligente, come pure delle conseguenze di modifiche improprie o effettuate senza la nostra autorizzazione o di lavori di riparazione svolti dal cliente o da terzi. Lo stesso vale per i vizi che riducono in modo irrilevante il valore o la funzionalità della merce.
  2. Deve esserci dato modo di constatare il vizio denunciato. Su richiesta, la merce oggetto di contestazione deve esserci prontamente rispedita. Qualora il cliente non assolva tali obblighi o effettui modifiche a merci già oggetto di contestazione senza la nostra approvazione, perderà il diritto a qualsiasi rivendicazione dei vizi materiali.
  3. In caso di vizio delle merci, garantiamo i clienti commerciali, a nostra discrezione, attraverso la riparazione o la sostituzione. Sulle merci usate assumiamo una garanzia per eventuali vizi solo nel caso in cui questa sia esplicitamente concordata in forma scritta con il cliente. Nel caso in cui il cliente sia un consumatore, questi può scegliere la riparazione o la sostituzione in adempimento alla garanzia. È tuttavia nostro diritto rifiutare la modalità di riparazione scelta dal cliente nel caso in cui questa risulti sproporzionata, in particolare quando si renda possibile solo con costi sproporzionati. Per i consumatori il periodo di garanzia in caso di fornitura di beni usati è pari a 12 mesi dalla consegna.
  4. Qualora la riparazione non sia efficace, il cliente può richiedere sostanzialmente a sua scelta una diminuzione del compenso (riduzione) o la rescissione del contratto (disdetta). In caso inadempienza contrattuale solo lieve, in particolare in caso di vizi lievi, il cliente  non ha tuttavia diritto a recedere dal contratto.
  5. Il cliente è tenuto a comunicarci prontamente in forma scritta eventuali vizi evidenti, al più tardi entro 2 settimane dalla ricezione della merce. In caso contrario è esclusa la rivendicazione del diritto di garanzia. Ai fini del rispetto della scadenza è sufficiente l'invio per tempo. Il cliente è soggetto all'onere della prova di tutti i requisiti della rivendicazione, in particolare del vizio stesso, del momento della determinazione del vizio e della tempestività della contestazione dello stesso. Qualora con il cliente sia concordato il ritiro della merce, essa è considerata approvata al perfezionamento dello stesso. Sono dunque escluse ulteriori rivendicazioni di vizi da parte del cliente a meno che questi non fossero riconoscibili nemmeno attraverso un attento esame in occasione del ritiro.
  6. Qualora il cliente, in presenza di un vizio legale o materiale, richieda la rescissione del contratto a seguito di una riparazione inefficace , egli non avrà diritto ad alcun risarcimento danni aggiuntivo. Qualora il cliente dopo un tale inefficace adempimento a posteriori richieda un risarcimento danni, la merce rimarrà a lui, nella misura in cui ciò sia per lui accettabile.  Il risarcimento danni è limitato alla differenza fra il prezzo di acquisto e il valore della cosa difettosa. Ciò non vale nel caso di violazione dolosa del contratto da parte del fornitore.
  7. Per quanto riguarda le caratteristiche della merce vale in linea di principio solo la descrizione del prodotto fornita dal produttore. Dichiarazioni pubbliche, affermazioni elogiative o pubblicità del produttore (del prodotto ma anche di suoi singoli componenti) non costituiscono per contro indicazioni delle caratteristiche dei beni valide ai sensi del contratto. Qualora il cliente riceva istruzioni di montaggio errate, siamo tenuti esclusivamente a fornire le istruzioni corrette, e solo nel caso in cui il vizio delle istruzioni di montaggio impedisca un'installazione regolamentare. Non forniamo al cliente alcuna garanzia in senso giuridico, fatte salve eventuali garanzie del produttore.

§9 Responsabilità

  1. In caso di violazione colposa di un obbligo contrattuale, la nostra responsabilità si limita ai danni medi diretti, tipici del contratto e prevedibili per tipologia fino alla somma di copertura della nostra assicurazione obbligatoria aziendale e di produttore, attualmente pari a 15 milioni di euro per danni a cose e/o persone e 100.000 euro per danni patrimoniali. Ciò non vale in caso di grave violazione di un obbligo da parte dei nostri rappresentati legali o addetti. Non rispondiamo in caso di violazione colposa lieve di obblighi contrattuali non sostanziali. In particolare sono escluse tutte le ulteriori rivendicazioni del cliente nei nostri confronti. Ciò vale in particolare per richieste di risarcimento danni per violazione di obblighi derivanti dal rapporto debitorio e da atti non autorizzati. Non rispondiamo di danni non relativi sulla merce stessa. In particolare non rispondiamo di mancati introiti o di ulteriori danni patrimoniali del cliente.  Tale esclusione della responsabilità non è valida in caso di violazione intenzionale o per grave negligenza di un obbligo da parte nostra o di un nostro legale rappresentante o incaricato. I diritti di risarcimento danni da parte del cliente per vizi decadono dopo un anno dalla consegna della merce. Ciò non vale in caso ci sia imputabile dolosità. Per i consumatori sono validi i termini previsti per legge.
  2. Le predette limitazioni della responsabilità non riguardano i diritti del cliente derivanti dalla responsabilità del produttore. Dette limitazioni non valgono inoltre in caso di danni fisici e alla salute incalcolabili o in caso di perdita della vita da parte del cliente.

§10 Riserva di proprietà

  1. Ci riserviamo il diritto di proprietà sulla merce fino al completo saldo di tutti i crediti derivanti dal corrente rapporto contrattuale a qualunque titolo. In caso di conti correnti, la riserva di proprietà è da intendersi come garanzia per il saldo creditore. Ciò vale anche quando i pagamenti del cliente sono effettuati per determinati crediti.
  2. Il cliente è tenuto a trattare la merce con cura. Qualora si rendano necessari lavori di manutenzione e revisione, il cliente è tenuto a eseguirli a proprie spese.
  3. La lavorazione o la trasformazione della merce soggetta alla riserva di proprietà avviene sempre per noi in quanto produttori, senza che ce ne derivi alcun obbligo. In caso di lavorazione o trasformazione della merce soggetta alla riserva di proprietà con merci diverse fornite da terzi ci spetta la comproprietà della nuova cosa in misura proporzionale al valore della merce soggetta alla riserva di proprietà rispetto al valore delle merci lavorate o trasformate al momento di tale lavorazione o trasformazione. Nel caso in cui il nostro diritto di proprietà sulla merce soggetta alla riserva decada a seguito di unione o commistione con altre merci, il cliente ci trasferirà fin da subito i suoi diritti di proprietà/comproprietà sulla nuova cosa o sulla commistione in misura pari al valore della fattura della merce soggetta alla riserva di proprietà e la custodirà per noi a titolo gratuito. La nuova cosa creata attraverso lavorazione, trasformazione, unione o commistione (di seguito "nuova cosa") e i diritti di proprietà/comproprietà a noi spettanti o da trasferire in base al punto 2 di questo paragrafo sulla nuova cosa fungono da garanzia del nostro credito come la stessa merce soggetta alla riserva di proprietà in base al punto 1. Finché dalla successiva disposizione di questo punto non deriva alcuna differenza, essa trova applicazione anche sulla nuova cosa.
  4. Il cliente può rivendere la merce soggetta alla riserva di proprietà solo mediante una regolare transazione commerciale soggetta a normali condizioni e solo qualora egli assolva puntualmente i suoi obblighi di pagamento nei nostri confronti. Il cliente è tenuto a rivendere a sua volta la merce soggetta alla riserva di proprietà solamente con patto di riservato dominio e ad assicurarsi che il credito derivante da tali operazioni di vendita possa essere a noi trasferito.
  5. Il credito del cliente derivante dalla rivendita della merce soggetta alla riserva di proprietà è ceduto fin d'ora a noi. Esso funge per noi da garanzia nella stessa misura della merce soggetta alla riserva di proprietà. Qualora il cliente venda la merce soggetta alla riserva di proprietà congiuntamente ad altri beni non forniti da noi, la cessione del credito è valida solo per l'ammontare della fattura derivante dalla rivendita della nostra merce. Per l'alienazione della merce ai sensi del punto 2 o delle disposizioni di legge in materia di unione e commistione della cosa di cui siamo comproprietari, la cessione del credito vale in misura pari alla nostra quota di proprietà.
  6. Nel caso in cui il cliente accetti crediti dalla vendita della merce soggetta alla riserva di proprietà in un rapporto di conto corrente esistente con i propri acquirenti, egli cederà a noi fin d'ora un eventuale saldo finale risultante o riconosciuto a suo favore pari a un importo corrispondente al totale del credito derivante nel rapporto di conto corrente dalla vendita della nostra merce. In ciò trova applicazione il precedente paragrafo.
  7. Il cliente è autorizzato a incassare il credito a noi ceduto derivante dalla rivendita della merce soggetta alla riserva di proprietà. Anche nel quadro di un vero e proprio contratto di factoring, al cliente non è concesso cedere il credito derivante dalla rivendita.
  8. È nostro diritto revocare in ogni momento l'autorizzazione all'incasso in caso di ritardo o sospensione dei pagamenti, trasferimento dell'attività del cliente a terzi, nell'eventualità di ridotta affidabilità creditizia e fiducia o di scioglimento dell'azienda del cliente, come pure al verificarsi di una violazione da parte del cliente dei propri obblighi contrattuali ai sensi del punto 3 del presente paragrafo.  In questo caso il cliente è tenuto a informare immediatamente i propri acquirenti di aver ceduto a noi il credito e a trasmetterci tutte le informazioni e i documenti necessari all'incasso. In questo caso il cliente è inoltre tenuto a fornire o cedere a noi eventuali garanzie che gli spettino per i crediti verso i suoi clienti.
  9. Qualora il valore realizzabile delle garanzie esistenti a nostro favore superi di oltre il 15% i nostri crediti garantiti, siamo disposti, su richiesta dell'acquirente, a svincolare garanzie a nostra discrezione.
  10. Il cliente è tenuto a comunicarci immediatamente la sussistenza di pregiudizio o minaccia della merce soggetta alla riserva di proprietà o delle ulteriori garanzie in essere a nostro favore.
  11. Il cliente si impegna ad assicurare in misura sufficiente la merce soggetta alla riserva di proprietà contro furto e incendio. Il cliente ci cede fin da subito i diritti derivantigli da tali contratti assicurativi.
  12. È nostro diritto di recedere dal contratto e richiedere la restituzione della merce in caso di comportamento contrario alle disposizioni contrattuali da parte del cliente, in particolare in caso di ritardo nei pagamenti o di violazione di un obbligo derivante dal presente paragrafo. A tal proposito il cliente dichiara fin d'ora il proprio consenso affinché noi ritiriamo o facciamo ritirare presso il cliente la merce soggetta alla riserva di proprietà o la nuova cosa ai sensi del punto 2 del presente paragrafo (qualora ne fossimo unici proprietari). Per l'attuazione di queste misure, come pure ai fini di una ispezione generale della merce soggetta alla riserva di proprietà o della nuova cosa, il cliente è tenuto a permettere l'accesso in ogni momento a noi o ai nostri incaricati.

§11 Clausola di mediazione

  1. Prima di avviare procedimenti giudiziali oppure procedure arbitrali le parti effettueranno un tentativo di mediazione secondo il Regolamento di Mediazione della Camera di Commercio Italo - Germanica, per risolvere qualsiasi controversia derivante dall'interpretazione e/o esecuzione del presente contratto o in relazione allo stesso. Il Procedimento di Mediazione sarà eseguito in lingua tedesco.

§12 Clausola compromissoria

  1. Tutte le controversie, le quali sorgono a causa oppure in riferimento al presente contratto, saranno decise da un Tribunale Arbitrale in base al Regolamento di Procedimento Arbitrale della Camera di Commercio Italo - Germanica. Le disposizioni del Regolamento di Procedimento Arbitrale della Camera di Commercio - Italo Germanica devono considerarsi parte integrante del presente contratto. Il Procedimente Arbitrale sarà deciso in base al diritto sostanziale tedesco ed eseguito in lingua tedesco.

§13 Disposizioni finali

  1. Si applica il diritto della Repubblica Federale di Germania. Le disposizioni della Convenzione internazionale sulla vendita di beni non trovano applicazione.
  2. Per tutte le controversie che dovessero derivare dal presente rapporto contrattuale, qualora il cliente sia un operatore commerciale, persona giuridica di diritto pubblico o patrimonio separato di diritto pubblico, il foro competente è il tribunale competente per la nostra sede principale. È inoltre nostro diritto adire vie legali presso la sede principale del cliente. Ciò vale anche nel caso in cui per il cliente non vi sia un foro competente in Germania e nell'eventualità in cui il suo domicilio o residenza abituale non siano noti al momento dell'avvio dell'azione legale.
  3. Luogo di adempimento è Stoccarda, 70182 (Germania).
  4. Qualora singole disposizioni del contratto con il cliente, incluse le presenti Condizioni generali di contratto, dovessero essere o diventare in tutto o in parte nulle, ciò non pregiudica la validità delle ulteriori disposizioni. La clausola in tutto o in parte nulla dovrà  essere sostituita con una che ne mantenga quanto più possibile il risultato economico.
  5. La cessione di diritti e obblighi derivanti al cliente dal contratto con noi stipulato richiede la nostra approvazione scritta al fine della sua validità.


Steinenbronn, lì 06/04/2010

Weber Antincendio

© 2010 Weber Antincendio | Franziskaweg 15 | 71144 Steinenbronn